Search

Content

Memorie di una fabbrica


Nei primi giorni del luglio dell'anno scorso fui invitato assieme a Susanna Raule, Armando Rossi e Carolina Cutolo a partecipare ad un progetto polacco chiamato City Lodz Stories.
In pratica il festival del fumetto della città di Lodz ogni anno ospita per una settimana alcuni fumettisti europei (e l'anno scorso il paese ospite era l'Italia) per visitare la città e pensare ad una serie di racconti a fumetti che poi confluiscono in un libro bilingue che viene presentato al loro festival di ottobre. Il mio contributo è stato questo racconto di 8 pagine dal titolo Memorie di una fabbrica che racconta (in piccola parte) la storia della città attraverso la testimonianza di un grande complesso di fabbriche tessili ancora presenti in quella parte della Polonia. Come dicevo ho riletterato il racconto e creato una specie di cover.
Anche in questo caso ho colorato direttamente al computer (con il mouse, visto che ancora sono privo di tavoletta grafica) usando il colore rosso mattone (tipico di Lodz) solo per la fabbrica, più un grigio per le ombre. L'effetto finale mi sembra interessante.

Vivo e lavoro a Fano con la mia famiglia.

Ho pubblicato i romanzi a fumetti Keires, Sali d'argento (Innocent Victim), Numeri (Magic Press), Metauro, Il brigante Grossi e la sua miserabile banda (Tunué), A caccia di rane (Topipittori), I pesci non hanno sentimenti (Coconino Press/Fandango) e Messner. La montagna, il vuoto, la fenice (Coconino Press/Fandango).

Ho disegnato Il vangelo del coyote (Guanda) e la trilogia FactorY (Fernandel), sui testi di Gianluca Morozzi.

Collaboro con Il manifesto e il Corriere della sera.