Search

Content

Anomalie del fumettomondo

Ieri ho fatto due chiacchiere con Matteo Stefanelli e con Andrea Ciccarelli a proposito di cose differenti ma con un comune denominatore.
Come saprete a Lucca comics&games ci sarà la famosa Tavola rotonda per parlare dei problemi legati soprattutto alle piccole/medie case editrici di fumetto da libreria/fumetteria. Si parlerà di diritti d'autore, di contratti, di mercato e di (mancanza di) rappresentanza.
Ed è un peccato che l'incontro si sovrapponga (in parte) a quello organizzato da Matteo con 5 grandi autori di fumetto che parlano delle loro motivazioni.
Ma in questo post volevo parlare di altro. Le anomalie non riguardano solo la catena produttiva autori/editori/distributori/punti vendita. Ce ne sono diverse anche nel campo della comunicazione. I problemi sollevati da Andrea Garamond Ciccarelli nel suo blog (che in parte coinvolgono anche Michele Ginevra) sui rapporti tra editori e siti d'informazione, sono tutt'altro che trascurabili.
Sarebbe auspicabile fare incontri e convegni anche su questo.

Fumettista e illustratore, vivo e lavoro a Fano con la mia famiglia.

Ho pubblicato i romanzi a fumetti Keires, Sali d'argento (Innocent Victim), tradotti anche in Francia e negli Usa, Numeri (Magic Press), Metauro, Il brigante Grossi e la sua miserabile banda (Tunué), A caccia di rane (Topipittori) e I pesci non hanno sentimenti (Coconino Press/Fandango).

Ho disegnato Il vangelo del coyote (Guanda) e la trilogia FactorY (Fernandel), sui testi di Gianluca Morozzi.

Ho scritto e disegnato racconti a fumetti per Il manifesto e il Corriere della sera.