Search

Content

Di topi e (ancora) di soldi

Oggi a pranzo, dal fantastico (letteralmente) TG5, dopo aver saputo della morte del polpo Paul (!!!) ho appreso che il fumetto (!) Geronimo Stilton compie 10 anni.
Finalmente, dal blog di Recchioni, il Salda Ciccarelli ci ha spiegato in maniera semplice chi c'è dietro alla fantomatica casa editrice Bao (Piemme e la figlia del papà (quindi sorellastra :)) di Stilton).
Nulla di male, ma era così difficile scriverlo?
Altra polemica quella innescata dalla Scuola Internazionale dei Comics. Alle fiere del fumetto i disegnatori non devono fare disegni gratis. E io che pensavi che fosse così già da anni. Ma anche in questo noi italiani siamo indietro rispetto agli altri paesi. Le dediche, sia scritte che disegnate si fanno solo sui libri. Poi, se uno vuole un disegno del proprio disegnatore, ci sono (per chi le vuole fare) le commission, ovvero disegni fatti su commissione a pagamento.
Il resto è cortesia del disegnatore. C'è anche da discuterne?

Vivo e lavoro a Fano con la mia famiglia.

Ho pubblicato i romanzi a fumetti Keires, Sali d'argento (Innocent Victim), Numeri (Magic Press), Metauro, Il brigante Grossi e la sua miserabile banda (Tunué), A caccia di rane (Topipittori), I pesci non hanno sentimenti (Coconino Press/Fandango) e Messner. La montagna, il vuoto, la fenice (Coconino Press/Fandango).

Ho disegnato Il vangelo del coyote (Guanda) e la trilogia FactorY (Fernandel), sui testi di Gianluca Morozzi.

Collaboro con Il manifesto e il Corriere della sera.