Search

Content

Motivazioni per leggere (anche) fumetti

Leggo dal sempre interessante blog dell'editore di libri illustrati Topipittori questo post a proposito di un babbo che per invogliare il proprio figlio a leggere gli ha offerto 50 euro per legger Il giovane Holden. Spunto interessante per parlare del rapporto dei giovani con il denaro e dei motivi che dovrebbero portare alla lettura (nella cui ipotetica scala il denaro, ovviamente, dovrebbe stare negli ultimi gradini).
Questo mi fa pensare alla famosa associazione fumettisti che dovrebbe nascere (allargando quella già esistente di illustratori) e di cui si parlerà al prossimo Comicon di Napoli. Qua la notizia.
Penso e spero che quella sarà l'occasione per parlare anche delle opportunità di promuovere la lettura di fumetti che è necessaria per fare crescere quella cultura del fumetto e il conseguente mercato che al momento sono poco sviluppati. Penso a iniziative come il comics day (sul sito mi pare di capire che quest'anno non si farà) o la giornata della lettura in pubblico dei fumetti che andrebbero rilanciate a dovere, per esempio.

Vivo e lavoro a Fano con la mia famiglia.

Ho pubblicato i romanzi a fumetti Keires, Sali d'argento (Innocent Victim), Numeri (Magic Press), Metauro, Il brigante Grossi e la sua miserabile banda (Tunué), A caccia di rane (Topipittori), I pesci non hanno sentimenti (Coconino Press/Fandango) e Messner. La montagna, il vuoto, la fenice (Coconino Press/Fandango).

Ho disegnato Il vangelo del coyote (Guanda) e la trilogia FactorY (Fernandel), sui testi di Gianluca Morozzi.

Collaboro con Il manifesto e il Corriere della sera.