Search

Content

Bin Laden morto… 

Piccolo pensiero mattutino al di fuori del mondo dei fumetti.
Mi ha fatto un certo effetto vedere stamani sui giornali le foto di Osama Bin Laden morto e i festeggiamenti e le soddisfazioni in America e nel mondo. Nella notizia a fianco, gli assassinii di figli e nipoti di Gheddafi. D'accordo, sono fanatici assassini, ma per un momento mi sono sentito come se secoli e secoli di storia non fossero passati.
In questi giorni sto leggendo l'Agamennone di Eschilo, un drammaturgo greco vissuto 500 anni prima di Cristo. Nell'Agamennone si discute della differenza tra giustizia e vendetta. Tema mi pare ancora lungi dall'essere superato.

Vivo e lavoro a Fano con la mia famiglia.

Ho pubblicato i romanzi a fumetti Keires, Sali d'argento (Innocent Victim), Numeri (Magic Press), Metauro, Il brigante Grossi e la sua miserabile banda (Tunué), A caccia di rane (Topipittori), I pesci non hanno sentimenti (Coconino Press/Fandango) e Messner. La montagna, il vuoto, la fenice (Coconino Press/Fandango).

Ho disegnato Il vangelo del coyote (Guanda e Mondadori) e la trilogia FactorY (Fernandel), sui testi di Gianluca Morozzi.

Collaboro con Il manifesto e il Corriere della sera.