Search

Content

Il conservatorio dell'ocra


Secondo post dedicato ai pigmenti naturali.
Vi avevo parlato di alcuni barattoli di ocra in polvere acquistati in un negozio per turisti durante il mio recente viaggio in Provenza. E della sua poco soddisfacente resa su carta.
A Roussillon c'è anche il Conservatorio dell'ocra, nei vecchi stabilimenti Mathieu, dove un tempo veniva trasformata l'ocra estratta dalle vicine cave e dove adesso c'è un museo con visite guidate e un negozio favoloso di pigmenti.
Lì ho preso una scatola con 36 barattoli di ocra di qualità decisamente migliore. E, mi sembra, anche la resa su carta è altrettanto interessante.

Vivo e lavoro a Fano con la mia famiglia.

Ho pubblicato i romanzi a fumetti Keires, Sali d'argento (Innocent Victim), Numeri (Magic Press), Metauro, Il brigante Grossi e la sua miserabile banda (Tunué), A caccia di rane (Topipittori), I pesci non hanno sentimenti (Coconino Press/Fandango) e Messner. La montagna, il vuoto, la fenice (Coconino Press/Fandango).

Ho disegnato Il vangelo del coyote (Guanda e Mondadori) e la trilogia FactorY (Fernandel), sui testi di Gianluca Morozzi.

Collaboro con Il manifesto e il Corriere della sera.