Search

Content

Il mio primo cane


Questa è stata la mia prima cagnetta, Cita (lo so, è un nome orrendo per un cane! Dovrete leggere il libro per saperne di più…), una vignetta tratta da A caccia di rane il fumetto che sto ultimando proprio in questi giorni.
Ho usato uno stile differente dal solito. Niente contorni delle vignette e anche qua, come per il racconto per il Manifesto, pennarello a punta fine (0,2) piuttosto del solito pennello. Bau!

Poco più di un mese fa vi ho segnalato un libro di poesie allegato al Corriere, una raccolta del premio nobel Wislawa Szymborska. Oggi leggo (devo dire a fatica, l'ho trovato solo sulla prima pagina de la Repubblica) della sua scomparsa. Si è spenta una voce importante.

Vivo e lavoro a Fano con la mia famiglia.

Ho pubblicato i romanzi a fumetti Keires, Sali d'argento (Innocent Victim), Numeri (Magic Press), Metauro, Il brigante Grossi e la sua miserabile banda (Tunué), A caccia di rane (Topipittori), I pesci non hanno sentimenti (Coconino Press/Fandango) e Messner. La montagna, il vuoto, la fenice (Coconino Press/Fandango).

Ho disegnato Il vangelo del coyote (Guanda) e la trilogia FactorY (Fernandel), sui testi di Gianluca Morozzi.

Collaboro con Il manifesto e il Corriere della sera.