Search

Content

Quanto guadagna un gruppo "rock" in Italia?

Qualche tempo fa vi avevo parlato di quanto guadagna un designer in Italia per paragonare la loro situazione a quella degli autori di libri.
Oggi prendo spunto da questo post di Umberto Palazzo (uno dei fondatori dei Massimo Volume) per parlare invece di cosa guadagna un gruppo rock con i concerti (che ormai rappresentano l'introito maggiore per un musicista).
Il rock in Italia è un settore della musica alternativo. E se escludono i pochi grandi nomi il resto è un grosso sottobosco di gruppi medio e piccoli che potremmo in qualche modo paragonare agli autori di fumetto non seriale. Vedete che ci sono decine di gruppi che riescono a vivere con la musica. E stiamo parlando di "rock". Questo nel campo dei libri a fumetti come sappiamo è impensabile.
Probabilmente tra poco si creerà un'associazione dei fumettisti. Spero che una volta gettate le basi del contratto tipo e delle regole da garantire si dovrà lavorare molto per incontrare editori, distributori e punti vendita per fare sistema e per cercare di creare un mercato, una vera industria culturale anche in questo campo.

Fumettista e illustratore, vivo e lavoro a Fano con la mia famiglia.

Ho pubblicato i romanzi a fumetti Keires, Sali d'argento (Innocent Victim), tradotti anche in Francia e negli Usa, Numeri (Magic Press), Metauro, Il brigante Grossi e la sua miserabile banda (Tunué), A caccia di rane (Topipittori) e I pesci non hanno sentimenti (Coconino Press/Fandango).

Ho disegnato Il vangelo del coyote (Guanda) e la trilogia FactorY (Fernandel), sui testi di Gianluca Morozzi.

Ho scritto e disegnato racconti a fumetti per Il manifesto e il Corriere della sera.