Search

Content

Roberto Innocenti a Colbordolo


Come ogni anno, all'inizio di maggio nella mia provincia si celebra la Mostra del libro per ragazzi di Colbordolo. Quest'anno è stata allestita una bella mostra di originali di Roberto Innocenti, celebre illustratore toscano. I suoi disegni sono veramente fantastici e probabilmente per il formato molto piccolo, non rendono tutto il loro valore una volta stampati. Nella foto lo vediamo con il microfono in mano assieme a Andrea Rauch, illustratore, designer ed editore de L'isola del tesoro di Stevenson illustrato da Innocenti. La piccola Prìncipi & princípi tra non molto dovrebbe pubblicare anche il mio primo libro illiustrato (quel Cuore di tenebra di cui vi ho parlato spesso) ma come tutti gli editori (e non solo) questo è un momento difficile dove di naviga a vista. Con Andrea ho parlato della situazione dell'editoria, del design e in generale della cultura e il quadro che ne è scaturito non è certo ottimista.
Venerdi prossimo presenterò il mio A caccia di rane a due classi di terza elementare. Visto che ho a disposizione 3 ore penso organizzerò un piccolo laboratorio.

Vivo e lavoro a Fano con la mia famiglia.

Ho pubblicato i romanzi a fumetti Keires, Sali d'argento (Innocent Victim), Numeri (Magic Press), Metauro, Il brigante Grossi e la sua miserabile banda (Tunué), A caccia di rane (Topipittori), I pesci non hanno sentimenti (Coconino Press/Fandango) e Messner. La montagna, il vuoto, la fenice (Coconino Press/Fandango).

Ho disegnato Il vangelo del coyote (Guanda) e la trilogia FactorY (Fernandel), sui testi di Gianluca Morozzi.

Collaboro con Il manifesto e il Corriere della sera.