Search

Content

KickStarter e lo stato del crowdfunding in Italia

Leggo sul blog di Matteo Stefanelli una notizia sorprendente… il denaro generato da KickStarter, il più autorevole e importante sito di crowdfunding americano ha raggiunto nell'ultimo anno il giro d'affari delle grandi major americane. In pratica è un sito dove gli autori propongono una storia e raccolgono il denaro necessario dalle iscrizioni dei potenziali lettori che in cambio di una donazione hanno in cambio fumetti (fumetti autografati o dedicati, o con gadget a seconda della dimensione della donazione). Nel caso la cifra necessaria non si raggiunga si ferma tutto e i donatori hanno indietro i loro soldi.

In Italia di questo fenomeno se n'è parlato ancora poco. Ci sono già degli esempi di crowdfunding tutti italiani come Eppela o Starteed ma ancora la strada da fare è in salita.
Nel campo dei fumetti ricordo che Roberto Recchioni qualche tempo fa sembrava avesse in mente qualcosa, magari sfruttando la popolarità del suo blog ma da allora non è successo niente.
Almeno che io sappia.

Vivo e lavoro a Fano con la mia famiglia.

Ho pubblicato i romanzi a fumetti Keires, Sali d'argento (Innocent Victim), Numeri (Magic Press), Metauro, Il brigante Grossi e la sua miserabile banda (Tunué), A caccia di rane (Topipittori), I pesci non hanno sentimenti (Coconino Press/Fandango) e Messner. La montagna, il vuoto, la fenice (Coconino Press/Fandango).

Ho disegnato Il vangelo del coyote (Guanda e Mondadori) e la trilogia FactorY (Fernandel), sui testi di Gianluca Morozzi.

Collaboro con Il manifesto e il Corriere della sera.