Search

Content

Ritratto di Cesare Lombroso

Ancora disegni di prova per il mio nuovo romanzo a fumetti. Questa volta un ritratto di un italiano famoso, nel bene e nel male, nel mondo. Cesare Lombroso, medico e antropologo celebre per i suoi studi sulla criminalità, ricordato (a torto) solo per le sue bizzarre teorie sui caratteri criminali atavici. Contribuì alla nascita dell'antropologia criminale e influenzò Freud e Jung.

Vivo e lavoro a Fano con la mia famiglia.

Ho pubblicato i romanzi a fumetti Keires, Sali d'argento (Innocent Victim), Numeri (Magic Press), Metauro, Il brigante Grossi e la sua miserabile banda (Tunué), A caccia di rane (Topipittori), I pesci non hanno sentimenti (Coconino Press/Fandango) e Messner. La montagna, il vuoto, la fenice (Coconino Press/Fandango).

Ho disegnato Il vangelo del coyote (Guanda) e la trilogia FactorY (Fernandel), sui testi di Gianluca Morozzi.

Collaboro con Il manifesto e il Corriere della sera.