Search

Content

Cogan, kill them softly


Ho notato che con gli anni tendo a diventare più solitario.
Per esempio per la prima volta nella mia vita sono andato al cinema da solo, per vedere Cogan, il nuovo film di Andrew Dominik (quello di L'assassinio di Jesse James per mano del codardo Robert Ford).
Un film violento e politico dalla trama forse fin troppo esile ma dai grandi personaggi.
Visto che ultimamente continuo a disegnare e parlare di cinema creerò una nuova etichetta: cinema.

Ps. Per quelli che vivono nella zona di Pesaro. Da oggi fino a Natale alla biblioteca comunale della piccola Sant'Ippolito trovate un'esposizione di tavole mie e di Davide Garota. Qualche foto sulla pagina Facebook.

Vivo e lavoro a Fano con la mia famiglia.

Ho pubblicato i romanzi a fumetti Keires, Sali d'argento (Innocent Victim), Numeri (Magic Press), Metauro, Il brigante Grossi e la sua miserabile banda (Tunué), A caccia di rane (Topipittori), I pesci non hanno sentimenti (Coconino Press/Fandango) e Messner. La montagna, il vuoto, la fenice (Coconino Press/Fandango).

Ho disegnato Il vangelo del coyote (Guanda) e la trilogia FactorY (Fernandel), sui testi di Gianluca Morozzi.

Collaboro con Il manifesto e il Corriere della sera.